HOMEPAGE

STYLE FILE

#03 IL DESIGNER NITZAN COHEN

NITZAN COHEN

Da bambino, Nitzan Cohen passava ore a giocare con i mattoncini Lego. Creava costruzioni complesse e mobili in miniatura, sognando, attraverso il suo gioco preferito, un mondo meno spartano di quello del kibbutz in cui viveva con la sua famiglia. Passata l’età dei Lego, il giovane israeliano ebbe il suo primo contatto con le arti visive grazie al teatro, dove lavorò come tecnico del suono prima di passare alla scenografia. “Grazie al teatro mi sono innamorato del concetto di creazione e definizione degli spazi e del modo in cui gli ambienti influenzano chi li vive”, afferma.

Fu poi la fabbrica di mobili che sorgeva vicino l’Avni Institute of Art and Design di Tel Aviv, dove Cohen studiava arti applicate, a decidere il suo futuro. “Non me ne rendevo conto all’epoca, ma gli odori e i suoni della fabbrica esercitavano su di me un fascino particolare”. Combinando il design d’interni e il disegno industriale, lo studio di Cohen a Monaco attualmente segue progetti di organizzazione di spazi privati, professionali ed espositivi, oltre ad occuparsi della progettazione di oggetti per la casa.

“Lavoriamo molto con mobili e spazi, ma mi interessano particolarmente la strategia, la direzione artistica e lo sviluppo di progetti di design per le aziende”, dice Cohen, che conta tra i suoi clienti BMW, Diesel, Mattiazzi e Bree. “Da designer quale sono, tendo a pormi domande di continuo e a tradurre le risposte in immagini”.

Visto da Wallpaper*,
Fotografo Christian Kain

STYLE FILE

#03 GALLERIA FOTOGRAFICA

ERA INDUSTRIALE

“Da designer quale sono, tendo a pormi domande di continuo e a tradurre le risposte in immagini”.

NITZAN COHEN

MONDO MATERIALE

La scrivania di Cohen, con modelli, schizzi e alcuni degli strumenti del mestiere. Cohen trova affascinante il connubio tra elementi tecnici e materiali necessari alla realizzazione di un orologio.

SCOPRI IL TUDOR HERITAGE ADVISOR

STYLE FILE

#03 IMMAGINI E ISPIRAZIONI

07:30

Café Crème
Monaco, Germania

La giornata di Nitzan Cohen comincia al Café Crème, un minuscolo panificio nel quartiere di Glockenbach. Con appena qualche posto a sedere, è il luogo perfetto per concedersi pochi minuti di contemplazione prima dell’inizio di un lungo giorno di lavoro.

13:00

Roecklplatz
Monaco, Germania

A pranzo Cohen porta spesso il suo team in questo ristorante, che è stato il suo primo progetto di design di interni. Dice di sentirlo “come una seconda casa”, il luogo perfetto per condividere idee con il suo team di giovani creativi.

16:00

Studio di Cohen
Monaco, Germania

“Apprezzo il lavoro di qualità, in ogni ambito. Il savoir-faire necessario per realizzare un orologio, per esempio, è qualcosa di estremamente affascinante. La grafica è complessa ma classica. Il modo in cui i materiali sono combinati, con questo incontro tra cinturino in seta e cassa in titanio, è geniale. Trovo seducente la combinazione di aspetti tecnici e materiali scelti”.

16:00

Studio di Cohen
Monaco, Germania

A sinistra: il libro di Christien Meindertsma PIG 05049, un catalogo di tutti i prodotti che è possibile realizzare con un solo maiale. Ogni pagina presenta un prodotto diverso in scala 1:1. In alto a destra: manga giapponese. In basso a destra: la riproduzione di Muji dello stesso manga.

20:00

Sport

Cerchiamo di finire verso le 6 o le 7, ma spesso rimaniamo in studio più a lungo. Quando non lavoro mi piace fare sport. Monaco è in una posizione ideale per chi ama fare attività in montagna. Se ho tre quarti d’ora di pausa vado a nuotare o a correre. Con quattro ore scelgo l’arrampicata.

STYLE FILE

#03 TUDOR UN CLASSICO MODERNO

IL SAVOIR-FAIRE TUDOR

Il nuovo Tudor Heritage Advisor è un esempio complesso e raffinato di design orologiero classico, che trae ispirazione dal passato del marchio e propone al contempo un’interpretazione moderna dei suoi modelli più iconici. Alle lancette dauphine e agli indici delle ore smussati fa da contrappunto una lancetta per la sveglia di colore rosso e dal design distintivo. Un cinturino in tessuto nero a coste in seta apporta all’intero design un carattere innovativo grazie al contrasto di materiali.
Incarnazione di un approccio classico e complesso al design, il Tudor Heritage Advisor esprime la stessa idea di estetica che è alla base del lavoro di Cohen.

SCOPRI IL TUDOR HERITAGE ADVISOR

#04 LO CHEF CHRISTOPHE DUFAU

#05 L'ARTISTA DEL VETRO J. M. WINTREBERT

#06 IL PROFUMIERE BEN GORHAM

#07 IL GIOIELLIERE JORDAN ASKILL

#08 L'ARTISTA MIKE PERRY

#09 IL MIXOLOGO MATT WHILEY

#10 L’ARTISTA DEI FIORI AZUMA MAKOTO

#11 L’ARTISTA DELLA LUCE KIT WEBSTER

#12 IL CALZOLAIO MASARU OKUYAMA

#01 IL SARTO PATRICK GRANT

#02 L’INGEGNERE CHARLES MORGAN